Prefazione

“Trasformare il piombo in oro...
Per questo esiste l’alchimia. Affinché ogni uomo cerchi il proprio
tesoro e lo scopra e poi desideri essere migliore di quanto non fosse
nella vita precedente. Il piombo svolgerà il proprio ruolo fino a
quando il mondo ne avrà bisogno, ma poi dovrà trasformarsi in oro.
È quanto fanno gli alchimisti: dimostrano che ogniqualvolta
cerchamo di essere migliori di quello che siamo, anche tutto
quanto ci circonda diventa migliore.”
- Paulo Coelho


Si dice che gli alchimisti fondessero i metalli per trasformarli in oro. Non ho tali competenze ma è certo che il mio essere chef trova la sua motivazione
nel trasformare le materie prime in qualcosa di speciale per me e per gli altri. Ciò che mi ha sempre stupito è come tale scopo non appartenga solo alla nostra
categoria ma a qualunque persona che cucini. Forse non tutti sanno che quando si fa una cottura a bagnomaria si compie un’operazione alchemica. Si attribuisce l’invenzione di questo metodo a una delle rarissime donne alchimiste della storia dell’umanità:

Maria la Giudea.
Il filosofo romano Moriene la chiamò “Maria la profetessa” e gli arabi la conoscevano
come la “Figlia di Platone” il nome che in seguito nell’alchimia occidentale, venne riservato allo zolfo bianco. Il pensiero di Maria e la sua grande
invenzione, si ispirarono proprio al calore dolce e tiepido generato all’interno dell’utero femminile che determina la crescita e lo sviluppo miracoloso del feto. Tecniche antiche e semplici di processi alchemici complessi, che hanno dato una svolta all’arte del cucinare.

 

Inizio a scrivere questo testo in un momento storico particolare. Tutto il mondo è paralizzato da una tremenda pandemia dovuta ad un virus che arriva portato dalle ali di un pipistrello e lockdown è la parola d’ordine.
L’interruzione del lavoro e dei contatti ha imposto a tutti una sospensione del tempo che carica il nostro io di domande, domande che sono sempre state latenti e che oggi urgono ed urlano in cerca di risposte, nella consapevolezza che niente sarà più come prima. Qualcuno potrebbe obiettare: cosa c’entra questo con la cucina? Se sei uno chef c’entra e come. Cucina è vita, è un frammento dell’universo in un piatto, è memoria, è armonia, è la mia storia
di uomo.
L’Italia è patria di studiosi che hanno dedicato volumi alla storia dell’alimentazione.
Da questi studi ho ricavato la convinzione che siamo i continuatori
di una forma d’arte, alimentata continuamente dalle nostre radici mediterranee e dalle nostre nuove intuizioni.
Nella frenetica vita prima del corona virus, spesso ci si accontentava di mangiare, dimentichi di Seneca che affermava “la fame non è ambiziosa, si accontenta di cessare”. La fame, pertanto, è l’espressione di un bisogno.
La cucina va oltre perché ambisce a soddisfare il piacere. È la cura nella scelta delle materie prime, la loro trasformazione, preparazione affinché seducano i sensi. Non è nutrimento, è un rito che ci distingue dagli animali.
L’uomo usa le spezie, cuoce, sala, trasforma cosicché cucina non è più la semplice azione del mangiare è molto, molto di più: è la ricerca continua della perfezione.
Nella cucina alchemica ho trovato il senso profondo della frase simbolo dell’alchimia “trasformare il piombo in oro”: non tanto una ricerca finalizzata ad un bene concreto ma una tensione costante che mi spinge alla ricerca della perfezione, del momento creativo e artistico, sintetizzato in un piatto.
Come dice Heinz Bech “l’idea è l’anima del piatto, il soffio da cui prende vita. È il primo ingrediente. È la creazione che diventa progetto e viene
elaborata unendo tante esperienze di vita consce ed inconsce.”
Non so cosa accadrà domani o fra un minuto, né quali mutamenti ci saranno,
so per certo che essi si specchieranno nell’anima dei miei piatti perché è dalla vita, dalle esperienze che attraversiamo, dalle emozioni che proviamo, da un lampo che ci attraversa, dalla bellezza di un’opera d’arte, da un colore, da una
forma, dal buio e dalla luce che traggo la mia ispirazione. Per tutto questo posso affermare che la mia cucina mi appartiene, in quanto nasce da me. Quando preparo i miei piatti inseguo la bellezza, l’armonia, proprio come un pittore mescolo materia, forme, colori, sapori, in una spasmodica, continua ricerca del Sacro Graal.

By Gabriele Gorlato

Villa Porro Pirelli Via Tabacchi, 20, 21056 Induno Olona VA  Telefono: 0332 840540

Scopri la famiglia Salute Hotel Group